L'Istat: l'evasione fiscale ancora elevata è un ostacolo per la crescita e la competitività

08/10/2019 09:49

L'Istat: l'evasione fiscale ancora elevata è un ostacolo per la crescita e la competitività

I risultati delle stime contenute nella Relazione, coerenti con le misure dell'Economia Non Osservata calcolate dall'Istat nell'ambito delle stime dei Conti economici nazionali, mostrano la persistenza di livelli elevati di evasione fiscale e contributiva, aspetti critici per il rafforzamento della capacità competitiva e di crescita del nostro Paese e per l'efficacia e l'equità delle politiche pubbliche. Lo ha detto il presidente dell'Istat, Gian Carlo Blangiardo, in audizione in Parlamento sul Def.
Secondo l'Istat, l'imminente introduzione di nuovi dazi all'importazione negli Stati Uniti, secondo una logica di tipo selettivo differenziata per tipologia di prodotti a seconda del paese Ue di provenienza, impatta in modo significativo su un numero limitato di prodotti di eccellenza della nostra filiera agro-alimentare. Nel complesso, il valore economico di questi prodotti ammonta nel 2018 a circa 400 milioni di euro, che incidono per meno dell'1% sull'export nazionale verso gli Usa, rappresentando quasi il 10% del valore economico delle vendite di prodotti alimentari italiani negli Usa.
La rilevanza per l'export dei prodotti soggetti a nuovi dazi nel mercato Usa risulta molto differenziata a livello territoriale, poiché riflette in buona misura anche le specificita' produttive delle singole regioni italiane di provenienza. Le regioni che si caratterizzano per un maggiore peso di questi prodotti, sia rispetto all'export complessivo che a quello specifico dei prodotti alimentari verso gli Usa, sono la Sardegna (quasi il 10% dell'export totale, oltre l'80% su quello alimentare), la Valle d'Aosta (1,4% e oltre il 40%), l'Emilia Romagna (1,6% e oltre il 20%), la Lombardia (meno dell'1% e più del 15%). Seguono, con un peso dei prodotti oggetto di nuovi dazi sul totale dei prodotti alimentari esportati compreso tra il 5% ed il 10%, Calabria, Lazio, Piemonte, Veneto e Campania.
Inoltre in Italia "ancora solo il 56,2% delle donne partecipa al mercato del lavoro e il tasso di occupazione non supera il 50%. Si tratta dei valori tra i più bassi, insieme a quelli della Grecia, tra i paesi dell'Ue dove il tasso di attività è pari al 68,3% e quello di occupazione al 63,4%", afferma il presidente dell'Istat, spiegando che "il ruolo ricoperto in famiglia, in assenza di un adeguato sistema di sostegno, appare come uno dei fattori discriminanti (insieme alla regione di residenza e al titolo di studio)".
In ogni caso "l'obiettivo di crescita programmatica fissato dal governo per il 2019 (+0,1%), pari al tasso di variazione acquisito nel secondo trimestre, appare coerente" con lo "scenario" attuale "in assenza di perturbazioni derivanti da una significativa involuzione dello scenario internazionale", ha sottolineato Blangiardo.


 
I dati contenuti nella Relazione sull'economia non osservata allegata alla Nota di aggiornamento al Def "mostrano la persistenza di livelli elevati di evasione fiscale e contributiva, aspetti critici per il rafforzamento della capacità competitiva e di crescita del nostro Paese e per l'efficacia e l'equità delle politiche pubbliche". A sottolinearlo è il presidente dell'Istat Gian Carlo Blangiardo nell'audizione sulla Nadef davanti alle Commissioni Bilancio di Senato e Camera. Le stime della relazione evidenziano in media, nel triennio 2014-2016, un gap complessivo pari a circa 109,7 miliardi.

LA DIRETTA STREAMING DALLE COMMISSIONI RIUNITE