Governo, Conte: il sostegno a Draghi non è in discussione

22/06/2022 16:42

Governo, Conte: il sostegno a Draghi non è in discussione

"Il sostegno a Draghi non è in discussione": è quanto ha affermato il presidente del M5s Giuseppe Conte parlando con i cronisti fuori dalla sede del partito il giorno dopo l'addio di Luigi Di Maio. Conte ha anche risposto a chi gli chiedeva se avesse pensato a dimettersi: "Se ho mai pensato di lasciare la guida del Movimento? E per quale motivo?". "Il Movimento rimarrà la prima forza politica ad occuparsi di tutti quei temi, dalla giustizia sociale alla transizione ecologica, che fanno parte dell'ossatura del Movimento 5 stelle".

Nella sede di campo Marzio del M5s sono arrivati alla spicciolata Paola Taverna,  Carlo Sibilia, Mariolina Castellone, Nunzia Catalfo. Altri big sono collegati da remoto. Per il ministro Stefano Patuanelli: «Il sostegno al governo non è in discussione», mentre secondo l’ex viceministro, Stefano Buffagni, «bisogna vautare. Vediamo  – dice – ci dobbiamo riflettere non vi pare? Secondo me sarà uno dei tanti temi da affrontare».

Intanto sul versante opposto Luigi Di Maio riunirà per la prima volta i neo gruppi domani nel primo pomeriggio. Location dell'incontro per ora ignoto. Il ministro degli Esteri, dopo l'addio al M5S, farà per la prima volta il punto con i suoi per iniziare a dare una linea, ma anche per affrontare la questione capigruppo e simbolo. Oggi pomeriggio, invece, non parteciperà alle 15.30 alla riunione del consiglio dei ministri. Luigi Di Maio non parteciperà al primo Consiglio dei ministri da ex componente del M5S. «Adesso – dice – vado al Quirinale per la solita colazione pre vertice Ue e poi partirò per la Serbia».

In totale sono 40 su 62 i parlamentari al primo mandato che hanno lasciato il M5S per iscriversi al nuovo gruppo Di Maio, «Insieme per il Futuro»: 30 alla Camera e 10 al senato. Solo 20 invece sono i parlamentari al secondo mandato. Lo riferiscono fonti vicine al ministro degli Esteri.