400 società benefit hanno l’ok al bonus

di Bruno Pagamici 29/07/2022 07:38

400 società benefit hanno l’ok al bonus

Sono circa 400 le società benefit che hanno ottenuto il contributo sotto forma di credito d'imposta per aver sostenuto le spese per la costituzione o trasformazione societaria entro lo scorso 31 dicembre 2021. Con il decreto direttoriale 27 luglio 2022 il ministero dello Sviluppo economico ha approvato l'elenco dei soggetti ammessi alle agevolazioni previste dall'art. 38-ter, comma 3, del decreto legge n. 34/2020 (decreto Rilancio) in favore delle società benefit di cui al decreto interministeriale 12 novembre 2021. Dall'elenco allegato al decreto si evince che i bonus utilizzabili in compensazione sono stati concessi per importi che vanno da 125 euro fino a 10mila euro (importo massimo concedibile in base alla normativa di riferimento). Va ricordato che tra i costi di costituzione o trasformazione agevolabili sono compresi quelli notarili e di iscrizione nel registro delle imprese nonché le spese inerenti all'assistenza professionale e alla consulenza sostenute e direttamente per la costituzione o alla trasformazione in società benefit. Il bonus fiscale viene riconosciuto nella misura del 50% da calcolarsi sulla base dei costi sostenuti.

Nello stesso decreto direttoriale è altresì riportato l'elenco dei soggetti per i quali la concessione delle agevolazioni è subordinata al completamento delle attività istruttorie in ordine ai contenuti delle dichiarazioni rese nell'istanza di accesso alle agevolazioni, nonché alle risultanze riscontrate a seguito della registrazione dell'aiuto sul Registro nazionale degli aiuti di Stato. Va infine ricordato che la società benefit è un modello d'impresa che ha come obiettivo il profitto ma anche il benessere sociale, quindi è un modello d'impresa ibrida che coniuga sia l'aspetto «profit» che l'aspetto «non profit». Le società benefit sono aziende che intendono contribuire allo sviluppo ed al benessere collettivo creando un impatto positivo sul piano economico, ambientale e sociale, e che si impegnano a rispettare i più alti standard di scopo, responsabilità e accountability.

Bruno Pagamici