Pechino intima agli Usa di rimuovere le sue 28 società dalla blacklist

09/10/2019 09:42

Pechino intima agli Usa di rimuovere le sue 28 società dalla blacklist

Pechino intima agli Stati Uniti di rimuovere "il prima possibile" le 28 organizzazioni cinesi appena inserite nella lista nera del commercio americano. Altrimenti la Cina "prenderà tutte le misure necessarie per tutelare in modo risoluto i suoi interessi".
È la risposta di Pechino, attraverso una nota diffusa da un portavoce del ministero del Commercio, alla decisione americana di inserire nella blacklist 28 organizzazioni cinesi per il loro presunto coinvolgimento in abusi contro l'etnia degli uiguri, minoranza musulmana del Paese, nella provincia cinese dello Xinjiang. Le organizzazioni inserite nella cosiddetta Entity List non possono acquistare prodotti da compagnie Usa senza l'ok di Washington.
Tra le 28 organizzazioni colpite ci sono sia agenzie governative cinesi sia compagnie che forniscono apparecchiature tecnologiche di sorveglianza, come la Hikvision, la Dahua Technology e la Megvii Technology, specializzate in riconoscimento facciale. Il Dipartimento del Commercio Usa ha dichiarato che le organizzazioni sono "coinvolte in violazioni dei diritti umani e abusi".