Hsbc, sanzioni per 350 milioni di euro

di Matteo Rizzi 13/08/2019 06:41

Hsbc, sanzioni per 350 milioni di euro

Per Hsbc arrivano i conti dalla lista Falciani: tra Francia e Belgio inflitte sanzioni da evasione fiscale per oltre 350 milioni di euro. In Francia, l'ex capo dell'unità svizzera della banca, Peter Braunwalder, ha patteggiato per aver aiutato a nascondere 1,6 miliardi di euro dei clienti al fisco francese. L'ex manager è quindi stato condannato al pagamento di una multa da 500.000 euro e a un anno di reclusione con sospensione condizionale. La dichiarazione di colpevolezza di Braunwalder arriva un anno dopo che Hsbc ha accettato di pagare alla Francia 300 milioni di euro per chiudere l'indagine nell'ambito della stessa inchiesta. Le pratiche della banca sono state messe in luce da Hervé Falciani, ingegnere italo-francese che lavorava nella filiale di Ginevra. Falciani, segretamente, aveva diffuso e condiviso con diverse amministrazioni fiscali i dati dei clienti che nascondevano illecitamente i propri patrimoni. Dal 2009, sono stati quindi identificati circa 130 mila conti correnti di 80 mila persone provenienti da 180 paesi. La banca aiutava i clienti a evadere quanto dovuto al fisco, in particolare le ritenute alla fonte dovute sui proventi, caso analogo che in questi giorni l'Agenzia delle entrate italiana sta affrontando con la banca svizzera Ubs. In un caso separato, sempre riguardante i dati della lista Falciani, l'unità svizzera di Hsbc ha accettato di pagare 300 milioni di euro in Belgio per porre fine all'indagine sulle stesse accuse. Un tribunale del Belgio ha dichiarato in una nota che Hsbc è stata «accusata da un pubblico ministero nel 2014 per frode fiscale e organizzata, falsificazione di documenti, riciclaggio di denaro e uso illegale d'intermediari finanziari». Secondo l'autorità del Belgio, quindi, «Hsbc ha aiutato e incoraggiato l'elusione della ritenuta fiscale con la creazione di società offshore a Panama e in altri paradisi fiscali dei Caraibi senza altro scopo se non quello di nascondere denaro». Il pubblico ministero ha stimato che il denaro trasferito potrebbe ammontare a diversi miliardi di euro, nascosto da più di un migliaio di contribuenti, attivi soprattutto nel settore dei diamanti di Anversa.

© Riproduzione riservata